29 Maggio 2017
dal Mondo

BMW estenderà il blocco della produzione in Germania alla Cina e in Sudafrica per la scarsità di approvvigionamento.

La BMW sta per estendere la sospensione della produzione in Germania per la Cina e il Sudafrica per una carenza di parti di ricambio.

La produzione nelle fabbriche di Shenyang, in Cina e Rosslyn, in Sudafrica, si bloccherà probabilmente per un giorno, mentre l'impianto a Leipzig, in Germania, dovrebbe essere parzialmente chiuso, ha detto il portavoce BMW Michael Rebstock.

Il sito di Leipzig è stato chiuso da venerdì, idem un'altra struttura a Monaco la scorsa settimana, poiché un fornitore italiano, non identificato, non ha potuto effettuare le consegne richieste, ha riferito la rivista Focus domenica.

"Non possiamo dire a questo punto quando i blocchi alla produzione saranno finiti", ha detto Rebstock.

BMW deciderà ulteriori interruzioni di produzione causate dalla mancanza di approvvigionamento come necessario, ha affermato.

Rebstock ha descritto i possibili danni finanziari come "gestibili" ma "non ancora quantificabili", rilevando che i modelli interessati sono la serie 1 e 4.

"Una task force sta lavorando costantemente per risolvere il problema", ha detto.

La redditività di BMW è scesa nel primo trimestre, poiché una linea di produzione invecchiata ha portato l'azienda a offrire incentivi per accelerare le vendite.

La base di Monaco ha venduto 5.2% in più di automobili nel primo trimestre di un anno prima, rispetto a un salto del 16% di Mercedes, che lo scorso anno ha superato per la prima volta il suo rivale di marca di lusso in un decennio.