11 Aprile 2016
Europa

Report Volkswagen: CEO cerca di tagliare i bonus del board.

Il CEO di Volkswagen, Matthias Mueller, spingerà per una significativa riduzione dei bonus per il consiglio di amministrazione della casa automobilistica, ha detto a Reuters fonti vicine alla vicenda.

La proposta avanzata in un consiglio di sorveglianza del comitato direttivo segue le critiche di uno dei principali azionisti della Volkswagen, lo stato della Bassa Sassonia, circa le intenzioni di pagare dei bonus ai top manager, mentre la società è alle prese con la crisi emissioni diesel e si prepara a tagliare i costi altrove.

I premi per i dirigenti sono diventati un punto di infiammabilità in un contenzioso crescente con i potenti leader sindacali della più grande casa automobilistica europea che si prepara a mettere a punto una nuova strategia.

Separatamente, il giornale Bild am Sonntag, ha detto in un rapporto senza fonti che Mueller avrebbe chiesto ai membri del consiglio di accettare una riduzione dei bonus volontaria di circa il 30%.

Volkswagen ha rifiutato di commentare.

Venerdì fonti vicine alla vicenda hanno detto a Reuters che il comitato direttivo avrebbe usato la riunione di lunedi scorso per discutere l'indagine dello scandalo delle emissioni e la posizione finanziaria di VW in vista della sua relazione annuale, che dovrebbe essere pubblicato il 28 aprile, così come i bonus e l'attrito tra la direzione e lavoro.

L'incontro del consiglio di sorveglianza, originariamente previsto per il 20 aprile, sarà pieno di ratifiche: risultati 2015 e compensi dei dirigenti. La Bassa Sassonia, che detiene una quota del 20% in VW, ha due posti nel consiglio di sorveglianza di 20 membri.

Il giornale Handelsblatt ha riferito sabato che la piena riunione del consiglio di sorveglianza dovrebbe essere ritardata di almeno due giorni perché i colloqui si stavano spostando sul problema con le autorità statunitensi su come rendere quasi 600.000 vetture diesel conformi agli standard ambientali degli Stati Uniti.