09 Giugno 2015
dal Mondo

Decessi legati all'accensione degli interruttori GM, sale a 111.

Il bilancio delle vittime legate agli interruttori di accensione difettosi che si trovano in veicoli prodotti da General Motors, è aumentato ancora di due unità lunedi scorso, arrivando ad un totale di 111.

Il fondo, che è gestito dall'avvocato Ken Feinberg, ha detto che ha anche approvato 12 nuovi reclami di ferite, aumentando l'importo complessivo a $ 220, secondo l'ultimo rapporto GM.

Di quei feriti, approvate dall'ufficio di Feinberg, 179 sono stati per ferite minori e 12 per chi ha subito un infortunio serio come danni permanenti al cervello o una doppia amputazione.

Il fondo di compensazione della GM ha fatto finora 229 offerte ca., per le vittime e le loro famiglie, 161 delle quali sono state accettate e sei sono state respinte, secondo il Detroit News.

Coloro che accettano l'offerta fatta dal fondo di compensazione, devono rinunciare al diritto di citare in giudizio GM.

A partire dal 5 Giugno n.2357 reclami sono stati definiti non ammissibili e 191 sono ancora in fase di revisione da parte dell'ufficio di Feinberg.

L'anno scorso, GM ha richiamato oltre 30 milioni di auto, di cui oltre 2,6 interruttori di accensione difettosi che potrebbero essere spostati dalla posizione di marcia, trasformando così le caratteristiche di sicurezza come i freni, air bag e servosterzo.

Al 31 marzo, la casa automobilistica di Detroit ha pagato 200 milioni di dollari al fine di liquidare i sinistri depositati presso Feinberg. GM ha accantonato 550 milioni di dollari per risarcire le vittime, anche se Feinberg ha detto più volte che non c'è limite su quanto il suo ufficio potrà spendere per risarcire tutte le vittime diell'interruttore di accensione.

Il fondo di compensazione ha ricevuto 4.342 reclami complessivi prima della scadenza del 31 gennaio.