20 Aprile 2015
dal Mondo

Mahindra presenterĂ  un'offerta per Pininfarina entro il 29 aprile 2015

Fonti qualificate confermano che Mahindra & Mahindra, il più grande produttore indiano di SUV, si propone di presentare un'offerta formale per Pininfarina, entro la riunione degli azionisti del car designer italiano il 29 aprile.

L'offerta della società indiana dovrebbe godere dell'appoggio dell'azionista di controllo di Pininfarina Pincar - che ha una quota del 76% nel gruppo famoso per la progettazione di Ferrari e altre auto di lusso. Tuttavia l'offerta avrebbe ancora bisogno di ricevere la benedizione di Pininfarina e delle banche creditrici.

Il debito Laden Pininfarina, che ha un valore di mercato di 162 milioni di euro, ha detto che il 26 marzo Mahindra ha espresso interesse per l'acquisto, confermando le notizie di stampa. Le sue azioni sono cresciute quasi del 40% da allora.
Il gruppo indiano lunedi ha ribadito di non aver stipulato alcun accordo e che avrebbe un impatto significativo sulla società dopo che i colloqui tra i due erano nelle fasi finali.
Un portavoce ha rifiutato di commentare ulteriormente e Pininfarina non ha rilasciato commenti.

Una acquisizione da parte di Mahindra di Pininfarina sarebbe l'ultima vendita di un marchio iconico italiano a un investitore asiatico, a seguito della China National Chemical Corp, che con 7,3 miliardi di euro ha annunciato l'accordo di acquistare i pneumatici Pirelli il mese scorso.
Le due fonti, che hanno parlato in condizioni di anonimato, hanno detto che Mahindra ha voluto formalizzare la propria offerta entro il 29 aprile ma le fonti dicono che i colloqui tra le due parti erano in corso ma e potrebbero interrompersi improvvisamente.

Pininfarina è stata fondata nel 1930 come produttore di auto di nicchia, ma che una parte del business stava lottando per competere con le case automobilistiche più grandi ma nel 2010 è stato chiuso.
Di conseguenza, l'azienda ha tagliato posti di lavoro e si è reinventata come un centro del design e di ingegneria per una piccola nicchia. Oggi produce solo modelli una tantum o di serie molto piccole.

Il gruppo, che ha ampliato il proprio lavoro di progettazione, dagli edifici, a interni, mobili ed elettronica, ha avuto una perdita netta di 1,3 milioni di euro in un anno. Il debito netto è pari a 45 milioni di euro a fine 2014 e si prevede che aumentarà quest'anno.

Un accordo con Pininfarina potrebbe aggiungere uno dei nomi di car design più rinomati al mondo per l'attività di automaking di Mahindra. La società indiana è già uno dei clienti di Pininfarina e le due hanno collaborato alla Halo, una vettura elettrica sportiva in mostra al salone dell'auto di Nuova Delhi nel 2014.
Mahindra ha guadagnato una reputazione nell'acquisto di società in difficoltà e sottovalutate. Nel 2010, ha comprato la travagliata casa automobilistica sudcoreana SsangYong Motor e l'anno scorso ha acquistato una quota di maggioranza in PSA / l'attività in perdita degli scooter di Peugeot-Citroen.