06 Marzo 2015
Europa

I lavoratori tedeschi della VW ottengono il 3% di aumento salariale.

Volkswagen darà ai lavoratori negli stabilimenti tedeschi un aumento salariale del 3,4% anche se la casa automobilistica sembra aumentare la redditività riducendo i costi.

VW ha detto che circa 115.000 lavoratori della VW suddivisi nei sei stabilimenti in Germania occidentale e la divisione dei servizi finanziari avranno l'aumento di stipendio a partire dal 1 giugno 2015.

I lavoratori potranno anche vedere ogni € 450 ($ 497) versati, un conto pensione personale per il prossimo anno, nell'ambito del nuovo contratto di stipendio che va fino al 31 Maggio 2016.

"L'accordo che abbiamo raggiunto rappresenta un compromesso che è appena accettabile e ci permette di mantenere la nostra competitività in un contesto economico difficile," ha detto il capo delle risorse umane Horst Neumann della VW.

IG Metall, che ha richiesto un aumento 5,5%, ha accolto con favore l'accordo che prevede anche disposizioni della VW di creare 4.200 posti di tirocinio nel biennio 2015-17. "Questo è un buon compromesso a discapito di una parte dolce nella parte superiore," ha detto il capo negoziatore Union Pay Hartmut Meine.

Il compromesso è in linea con un accordo IG Metall raggiunto il mese scorso con i datori di lavoro del settore metalmeccanico nello stato del sud-ovest della Germania, Baden-Wuerttemberg, che è stato visto come un accordo pilota per altri settori.

VW sta preparandosi per un anno difficile e come dicono le vendite, i passeggeri-auto sono diminuiti nei mercati chiave come l'Europa e gli Stati Uniti.

La casa automobilistica sta cercando di aumentare il risparmio sui costi annuali al suo marchio omonimo, la sua più grande divisione per le vendite e le consegne, a 5 miliardi di euro entro il 2017 per ridurre il divario di profitto con i rivali come la Toyota.