11 Giugno 2018
Europa

L'ex capo della Volkswagen Winterkorn convocato per testimoniare nella causa delle emissioni.

L'ex amministratore delegato del gruppo Volkswagen, Martin Winterkorn, è stato invitato a testimoniare dinanzi a un tribunale tedesco in relazione a una causa per danni da parte della casa automobilistica a causa del suo scandalo sugli imbrogli delle emissioni, secondo quanto riferito dal giornale tedesco Bild.

Il giudice Fabian Reuschle del tribunale regionale di Stoccarda ha convocato 28 persone per testimoniare in un processo che inizierà a metà settembre, ha detto Bild. Fanno parte del gruppo anche il CEO di Bosch, Volkmar Denner e Rupert Stadler, CEO di Audi.

Altri citati sono Wolfgang Hatz, ex ingegnere capo del gruppo VW, che è detenuto in carcere, e l'ex capo dello sviluppo VW Ulrich Hackenberg.

Bild, citando una lettera che aveva ottenuto, ha anche detto che il giudice Reuschle ha chiesto di apparire anche al ministro dei trasporti tedesco Andreas Scheuer.

Martin Winterkorn non è stato raggiunto per un commento, ma un suo avvocato ha rifiutato di commentare, ma ha confermato che il suo cliente è stato convocato.

Una portavoce di Bosch ha rifiutato di commentare. Audi, il ministero dei trasporti e il tribunale regionale di Stoccarda non sono stati immediatamente raggiungibili per un commento al di fuori dell'orario di lavoro. Volkswagen ha rifiutato di commentare.

Gli azionisti rappresentati dallo studio legale Tilp stanno cercando un risarcimento da Volkswagen e dal principale azionista Porsche SE per non aver informato abbastanza rapidamente i mercati circa la portata delle potenziali passività che VW ha dovuto affrontare nel suo utilizzo di software illegale per imbrogliare i test sulle emissioni degli Stati Uniti.

Volkswagen ha ammesso di aver ingannato deliberatamente i test sulle emissioni di gasolio, ma nega di aver omesso di informare tempestivamente gli investitori circa la portata delle passività a carico dei suoi azionisti.