09 Gennaio 2018
Europa

Il sindacato dice che PSA sta pianificando tagli per 1300 posti di lavoro in Francia secondo la nuova legge.

Il Gruppo PSA prevede di eliminare 1.300 posti di lavoro in Francia nel 2018 utilizzando una nuova forma di tagli volontari introdotta dal presidente Emmanuel Macron, ha detto un funzionario del sindacato CFTC.

Le partenze, approssimativamente equivalenti a buyout, fanno parte di 2.200 tagli di lavoro volontari pianificati quest'anno, ha detto il leader della CFTC Franck Don.

PSA mira ad assumere 1.300 lavoratori con contratti permanenti francesi nel 2018 insieme a 2.000 dipendenti più giovani per stage o contratti di studio a tempo limitato. "Il numero di nuovi assunti e di outplacement volontari sarà quindi bilanciato", ha detto la società in una nota

PSA è tra le prime aziende che hanno annunciato l'intenzione di utilizzare le nuove misure flessibili del lavoro introdotte per decreto entro pochi mesi dalle elezioni di Macron dello scorso maggio.

I sindacati hanno criticato i cosiddetti accordi collettivi di risoluzione contrattuale, che consentono alle società di negoziare licenziamenti senza dover dimostrare di trovarsi in difficoltà finanziarie. Il rivenditore di abbigliamento Pimkie sta cercando l'approvazione sindacale per tagliare 208 posti di lavoro con le nuove misure.

Lunedì il Gruppo PSA ha annunciato che taglierà altri 250 posti di lavoro nello stabilimento Vauxhall di Ellesmere Port nell'Inghilterra nordoccidentale, oltre a circa 400 tagli annunciati lo scorso anno, riducendo la produzione dell'impianto a un turno.