16 Ottobre 2017
Europa

Skoda aggiungerĂ  nuovi posti di lavoro nonostante i timori di VW.

Skoda, del gruppo Volkswagen, ha sottolineato il suo impegno nei confronti del suo paese di origine, la Repubblica Ceca, affermando che verranno aggiunti posti di lavoro bando alle preoccupazioni che il brand potrebbe perdere una fetta di produzione in Germania.

Di fronte a un possibile surplus di forza lavoro in Germania, i manager di marca VW e i leader del lavoro desiderano trarre beneficio dal successo di Skoda, assumendo alcuni lavori di Skoda in Germania così da rendere più basso il costo della tecnologia comune condivisa, Reuters ha riferito la scorsa settimana, citando fonti VW.

Skoda, che ha venduto 1.13 milioni di veicoli l'anno scorso, è diventato il secondo marchio più redditizio del Gruppo VW dopo Porsche in termini di margine operativo ed è destinato alle vendite record nel 2017. Ma la capacità sta colpendo un limite e il suo successo sta causando tensioni all'interno di VW Group .

Il CEO di Skoda Bernhard Maier ha detto ai giornalisti mercoledì che la Repubblica ceca rimarrà la casa di Skoda e che avrebbe aggiunto posti di lavoro localmente per soddisfare le richieste.

"Skoda sta funzionando al limite della sua capacità, che è la prova che la nostra strategia sta funzionando", ha detto. "Al momento, per quanto riguarda la domanda mondiale, non siamo in grado di coprirlo dalla Repubblica ceca e per questo stiamo guardando attorno ad altre capacità produttive".

Maier ha detto che Skoda aveva assunto 3.000 lavoratori negli ultimi mesi e stava progettando di assumerne di più "per poter coprire la domanda crescente". Ha detto che Skoda era in trattative con i sindacati su questo.

Skoda e altri player del settore si sono incontrati mercoledì scorso con funzionari del governo. In una conferenza stampa, il premier Bohuslav Sobotka ha detto che Skoda gli aveva assicurato che avrebbe fatto il massimo per non compromettere i posti di lavoro.

La Repubblica Ceca ha avvertito Skoda che ogni cambiamento di produzione potrebbe portare alla perdita di ben 2.000 posti di lavoro, per un totale di 28.000 unità alla fine del 2016, esclusi gli agenti temporanei.

Maier, tramite una lettera, ha informato il personale la scorsa settimana che Skoda avrebbe utilizzato solo la più ampia rete di produzione di VW per far fronte a picchi di domanda. "Come principio, le nostre fabbriche ceche sono e rimarranno la prima scelta", ha detto Maier.

Il margine di profitto di Skoda è stato dell'8,7% l'anno scorso. Il margine della marca VW era dell'1,8%.

La tensione tra i marchi VW aumenterà in previsione dell'imminente incontro di vigilanza, l 17 novembre, che dovrà approvare i bilanci annuali degli investimenti per il gruppo.