09 Gennaio 2017
dal Mondo

VW, negli Stati Uniti via all'accordo di $ 3000000000 per risolvere le accuse dei diesel contraffatti.

Fonti informate sui negoziati hanno detto a Reuters venerdì che Volkswagen AG e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti si stanno avvicinando ad un accordo per risolvere le indagini civili e penali del governo che richiederebbero alla casa automobilistica tedesca di pagare una penale di oltre $ 3 miliardi.

L'accordo non è ancora definitivo e potrebbe cambiare o cadere a pezzi, ma un accordo potrebbe essere annunciato già la prossima settimana.

Volkswagen aspetta, anche a fronte di una supervisione da parte di un ente esterno, di accettare le riforme significative in relazione al suo scandalo come parte di un probabile accordo di prosecuzione, e di pagare fino a $ 17,5 miliardi di dollari per risolvere le richieste di risarcimento di proprietari statunitensi, regolatori federali e statali e rivenditori.

Un portavoce di VW in Germania ha rifiutato di confermare la notizia, dicendo che la casa automobilistica è ancora in trattative con le autorità.

Volkswagen e il Dipartimento di Giustizia hanno tenuto intensi colloqui in questa settimana volta a risolvere il caso prima che il presidente Barack Obama lasci in carica il 20 gennaio. Fonti informate sui colloqui hanno detto che se un accordo non sarà raggiunto prima di allora, si potrebbe ritardare in modo significativo l'accordo.

VW ha ammesso nel mese di settembre 2015 di aver installato un software segreto come "dispositivo di disattivazione" a 475.000 statunitensi proprietari di vetture diesel 2.0 litri per ingannare i test sulle emissioni di scarico e far apparire più puliti i test di quello che realmente erano.

In realtà, i veicoli hanno emesso fino a 40 volte in più i livelli di inquinamento legalmente consentiti.

La società ha in seguito ammesso anche l'utilizzo di "dispositivi di disattivazione" su veicoli da 3.0 litri. I veicoli con questa motorizzazione negli Stati Uniti sono 80.000 e avevano un sistema non dichiarato di emissioni ausiliario che ha permesso ai veicoli di emettere fino a nove volte in più dei limiti consentiti.

Lo scandalo globale di VW, ha portato alla cacciata del CEO Martin Winterkorn. A VW è stato impedito di vendere tutte le vetture diesel negli Stati Uniti dalla fine del 2015.