23 Maggio 2016
dal Mondo

Tesla Motors vende $ 2 miliardi di azioni per il lancio del New Model 3.

Recentemente è stato confermato che Tesla Motors Inc. sta per vendere 2 miliardi di dollari delle loro azioni per aiutare l'azienda a finanziare il rapido lancio del suo nuovo veicolo, il Modello 3.

Mercoledì 18 maggio 2016, Tesla Motors ha annunciato che metterà in vendita una parte delle loro azioni per aiutare l'azienda nel lancio del Model 3, che ora è in fase di accelerazione. Hanno offerto circa $ 2 miliardi in azioni e l'amministratore delegato, Elon Musk, venderà le restanti azioni per far fronte agli obblighi fiscali. È stato stimato che la società aveva bisogno solo di raccogliere $ 1 miliardo di dollari per finanziare il lancio della produzione del modello 3. Questi fondi sono assicurati da utilizzare per aiutare l'azienda a soddisfare la grande richiesta del loro nuovo prodotto. A partire dal mese scorso, l'azienda ha riferito di aver già ricevuto quasi mezzo milione di ordini per il modello 3.

Dopo la relazione dei loro guadagni per il primo trimestre, Musk ha detto che la società farà sicuramente qualche azione aggressiva verso la forte domanda dei loro veicoli, circa mezzo milione in due anni. Il loro obiettivo originale inizialmente era per l'anno 2020, ma ora è stato impostato con due anni di anticipo. Tesla ha anche aggiunto che Musk donerà $ 1.2 milioni di azioni alla sua associazione di beneficenza, in quanto la sua quota complessiva sarà sicuramente aumentata dopo aver chiuso tutte le loro transazioni pianificate.

Il Modello 3 è una vettura meno costosa rispetto agli altri modelli che Tesla ha costruito. Costa anche molto meno, da qui la forte domanda di questo nuovo prodotto. Con questo nuovo modello di berlina elettrica, Tesla ha anche costruito una fabbrica di batterie in Nevada per fornire le cellule agli ioni di litio che avranno bisogno di creare il pacco batteria per tutte quelle auto.

Tesla Motors Inc. ha detto che la loro azienda comincerà a vendere le prime auto entro la fine del 2017. Questo è solo l'inizio per arrivare alla copertura del mezzo milione di richieste entro la fine del 2018.