11 Aprile 2016
Europa

Renault si impegna a ridurre gli NOx dai nuovi diesel.

Renault applicherà nuove misure per ridurre le emissioni di ossidi di azoto dai propri veicoli diesel a partire dal mese di luglio, ha detto la casa automobilistica in un comunicato.

Verranno applicate le misure nelle fabbriche Renault per i veicoli che devono soddisfare gli standard di emissioni Euro 6 diesel, ha detto la società. I clienti Renault che già possiedono un veicolo con un diesel Euro 6 saranno in grado di ottenere gratuitamente le modifiche a partire dal mese di ottobre, ha detto la società. Gli standard Euro 6 da modificare sono dell'anno scorso.

La mossa arriva sulla scia dello scandalo sulle emissioni del Gruppo Volkswagen, che ha colpito 11 milioni di veicoli del più grande fabbricante automobilistico in Europa. Dopo la truffa del Gruppo VW sono iniziate una serie di indagini sugli altri marchi.

Le emissioni dei motori diesel Renault - e molti altri marchi senza nome – sono stati trovati al di sopra dei limiti di legge che era stato raggiunto nei test delle normative europee, ampiamente riconosciuti per essere viziati.

Nel mese di novembre, la Renault ha contestato i test commissionati dal gruppo di pressione ambientale tedesca Deutsche Umwelthilfe (DUH), che ha sostenuto che le emissioni di NOx da un Espace 1.6 diesel erano fino a 25 volte superiore a quello consentito dal limite della Euro 6.

Il Consiglio internazionale sul trasporto pulito, il gruppo no-profit che ha contribuito a far confermare alla VW le falsità sulle prove di emissioni l'anno scorso, ha stimato che la media Euro 6 dei veicoli su strada emette sette volte più di NOx rispetto agli 80 milligrammi per chilometro consentito. Questo sta accadendo, nonostante che le vetture hanno superato i test europei nella produzione di NOx.

"Si può avere un veicolo che ha emissioni OK durante determinate condizioni di guida, normalmente nelle condizioni in linea con i test di certificazione, ma non appena si va al di fuori di questo limite l'NOx sale molto rapidamente", ha detto ICCT Ricercatore Vicente Franco / Automotive News Europa.